Come direbbe Gaber, tre canzoni “per provare ancora a pensare” in un’epoca in cui, come suggerisce Pier Paolo Pasolini, è diventato pressochè impossibile assumere un diverso punto di vista rispetto all’ideologia borghese dominante, modernista e postmodernista, incentrata sul culto narcisistico del sé.

La canzone della non appartenenza: dall’album “E pensare che c’era il pensiero”. Testo di G. Gaber e A. Luporini, 1995.

L’appartenenza: dall’album “Lamia generazione ha perso”. Testo di G. Gaber e A. Luporini 2001.

Il comportamento: dall’album “Libertà obbligatoria”. Testo di G. Gaber e A. Lupurini, 1976

Loading spinner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.