Incontro del 7 aprile 2021 con Emmanuele Massagli.

Nell’inviarvi il collegamento al video dell’incontro, vi segnaliamo i passaggi fondamentali di quanto ci ha comunicato il prof. Emmanuele Massagli.

Il tema di fondo è l’importanza del lavoro come mezzo per l’educazione integrale del giovane in ogni ordine degli studi, compresi i licei, in quanto rappresenta un “giacimento educativo e formativo” indispensabile per qualificare il curricolo.

Questo è ancor più importante in ogni ordine di studi, in quanto i giovani presentano un deficit di esperienza di vita, e ciò influisce sulla loro capacità di conoscere la realtà e quindi se stessi, inoltre di esprimere un giudizio fondato sulle vicende attuali e di scoprire la propria vocazione ed il proprio compito nel mondo. 

La crescente rilevanza delle competenze trasversali mostra come le imprese siano alla ricerca di persone “sveglie”, ovvero curiose, reattive e dinamiche; questa esigenza indica il superamento dell’idea dell’alternanza / Pcto come mera politica attiva, per rilanciare l’importanza decisiva della formazione integrale della persona. 

Si può quindi dire che quando l’educazione è riuscita, il soggetto è già occupabile. 

Il lavoro, visto nelle sue diverse dimensioni, è una componente fondamentale dell’educazione civica, in quanto il cittadino nella società della connessione perpetua necessita di una formazione più profonda che lo renda capace di cogliere la corrispondenza tra sé e il mondo e di un’iniziativa che lo formi ad una libertà vissuta come orientamento al bene comune.

L’area delle esperienze formative che si è costituita tramite educazione civica, Pcto e alternanza va considerata come una sfida per la scuola volta a ripensare i metodi di insegnamento, a vedere la realtà come giacimento di competenza affinché l’attuale generazione sia capace di lavorare sapendo esercitare le facoltà pienamente umane, quelle non sostituibili dalle macchine e necessarie per il cambio dell’indirizzo dell’economia nella prospettiva della sostenibilità.

Buon ascolto!

«Il lavoro di un tempo» di Charles Péguy, legge Dante Melito.

Loading spinner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.